lunedì 27 maggio 2013

Torta di compleanno


Addio numero 1... Brindiamo al numero due!!!
Anche per Martina, è arrivato il giorno fatidico, anche per lei è arrivato il momento di cambiare ed aprire le porte al numero 2...
Per festeggiare ho preparato questa torta che ho chiamato semplicemente torta di compleanno, la scelta che Marty ha fatto è caduta su questo dolce, morbido e dolcissimo proprio  come piace a lei...






Ingredienti:
Per la pasta:
220 gr di farina
170 gr di burro
150 gr di zucchero
3 tuorli sodi
1 limone biologico

Per il ripieno:
300 gr di ricotta romana
100 gr di yogurth intero e naturale
100 gr di panna liquida

130 gr di zucchero
3 tuorli d’uovo  sodi
10 gr di farina

per la decorazione:

40 gr di gelatina di albicocche
zucchero a velo


Procedimento:
Lavorare la farina con il burro ammorbidito, la scorza del limone grattugiata, lo zucchero e i tuorli sodi. Formare una palla e farla riposare in frigorifero per circa 1 ora.
Trascorso questo tempo foderare una teglia imburrata e infarinata o foderata di carta forno di diam. 27.
Bucherellare il fondo con i rebbi della forchetta e cuocere in forno a 190 gradi per 15 minuti circa. Trascorso questo tempo toglierla e lasciarla intiepidire.

Per il ripieno:
In una terrina lavorare insieme con una frusta: la ricotta, lo yogurth, lo zucchero, la farina, per ultimi unire uno alla volta le uova e un cucchiaio di succo di limone. Quando il tutto sarà ben amalgamato versarlo sulla base di pasta, livellando la superficie con una spatola. Rimettere in forno già caldo a 180 gradi per 45 minuti.
A cottura ultimata toglierla da forno e dopo averla fatta raffreddare completamente sformatela.
In un tegamino portare a ebollizione la gelatina di albicocche con 2 cucchiai di acqua e spennellare la  superficie della torta.
Una volta raffreddata cospargere con abbondante zucchero a velo.

Brachetto d'Acqui rosso del Piemonte
Vernaccia dolce rossa delle Marche

venerdì 10 maggio 2013

Panini caserecci







Non l'avevo mai preparato, ma era tanto tempo che desideravo preparare il pane..
Questa ricetta del pane fatto in casa con lievito di birra fresco è davvero alla portata di tutti, anche per chi come me, non ha mai fatto esperienza di panificazione.
E' una ricetta classica quella che propongo, in questo modo è possibile avere a disposizione, in modo naturale, del pane preparato sulla base delle nostre esigenze personali. Seguire la ricetta non è difficile. Ecco la procedura completa per fare il pane a casa. Con questo tipo di base, è possibile realizzare anche focacce e torte salate oltre a diverse varietà di pane e panini.




150 gr di farina 00
350 gr di manitoba
260 gr d’acqua tiepida
45 gr di olio evo
½ cubetto di Lievito di birra
1 cucchiaino di miele
sale





Sciogliere il lievito di birra in una piccola quantità di acqua tiepida e miele.
Unire le due farine setacciandole in una conteniore capiente, unire l’acqua con il lievito e il miele, quindi l’olio, incorporare bene con le mani tutti gli ingredienti, quindi aggiungere un cucchiaino di sale e a filo la restante acqua (tiepida) fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico, coprire con un telo e tenere in luogo caldo per circa due ore. 
Rovesciare l’impasto su una spianatoia infarinata, schiacciare leggermente e impastare di nuovo, ricoprire con un telo e rimettere a lievitare fino a che l’impasto non sarà raddoppiato di volume.
Riprendere l’impasto cercando di dargli una forma rotondeggiante. Dividere in fette in modo da ottenere 8/10 panini, (io sono riuscita a fare 8).
Stendere ogni pezzo con il matterello sulla spianatoia infarinata formando dei lunghi rettangoli. Arrotolare l’impasto nel senso della lunghezza, girare il panino e stendere nuovamente con il matterello modellando un altro rettangolo. Arrotolare ancora nel senso della lunghezza e mettere i panini a lievitare su una teglia foderata di carta forno. 
Fare riposare i panini in luogo caldo ancora per alcune ore. Saranno pronti quando avranno raddoppiato lil loro volume. 
Preriscaldare il forno a 220 gradi e inserire i panini dopo aver spennellato con un goccio d’olio la loro superficie, lasciare cuocere in forno per 15 minuti, abbassare poi la temperatura a 200 gradi e lasciare i panini nel forno per altri 5-10 minuti, in tutti i modi finchè la loro crosta non risulti dorata.





martedì 7 maggio 2013

Pasta alla contadina





Sarà forse la primavera, ma a tutti è ritornata la voglia di mangiare un bel piatto di pasta, quelle cremose, quelle con tante ingredienti, quelle che hanno un mix di sapori e profumi e che ti fanno venire l’acquolina al solo vederla.
Al supermercato alcuni giorni fa avevo trovato i funghi trombetta essiccati, erano chiaramente in offerta e allora perché non approffittarne per preparare qualcosa di particolare!
E’ una revisione della fatidica pasta alla boscaiola, che a noi piace un sacco! E con qualche piccolo ritocco è venuta fuori una pasta superba, cremosa, forse un po’ autunnale più che primaverile, ma ne è valsa la pena.



Ingredienti: per 3 persone
1 porro
200 gr di farfalle
20 gr di funghi trombetta secchi
5 gr di funghi porcini
1cucchiaio scarso di triplo concentrato
2 pomdori rossi e maturi
6 olive nere
6 olive verdi
olio EVO
1 cucchiaio di panna
pecorino grattugiato
parmigiano grattugiato


Procedimento:

Ammorbidire i funghi in acqua tiepida.; tagliare finemente il porro a rondelle e farlo imbiondire in una padella con alcuni cucchiai di olio. Unire i funghi, strizzati e tagliuzzati, quindi aggiungere l’acqua di ammollo dei funghi, dopo averla filtrata dai residui.
Aggiungere i pomodori tagliati a dadini, un cucchiaio scarso di triplo concentrato, le olive sia bianche che nere, tagliate a listarelle, un cucchiaio di panna, un pizzico di sale e di pepe, mescolare bene e lasciare cuocere per 10 minuti con il coperchio. Trascorso questo tempo scoperchiate e lasciate rapprendere il sugo per alcuni minuti.
Nel frattempo cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolarla e farla saltare in padella per alcuni minuti con il sugo, una manciata di parmigiano grattugiato e una manciata di pecorino grattugiato, impiattate e buon appetito!