mercoledì 22 ottobre 2014

Crostata di ricotta caffè e cioccolato




Ho passato gli ultimi giorni insieme ai tanti ragazzi che si sono impegnati ad aiutare le persone in difficoltà causa la piena del torrente.
Una moltitudine di giovani armati, si fa per dire, di badili, ramazze, secchi, qualsiasi attrezzo è stato utile per portare aiuto alle famiglie che ne avevano bisogno.
I ragazzi sono stati meravigliosi, ma contro il fango e la melma c'è poco da fare, specie se non si hanno mezzi adeguati a supporto.
Io oltre al badile mi sono attrezzata con un vecchio spazzettone, che fra l'altro è stato utilissimo sia per spingere l'acqua nei tombini, sia per grattare i muri, ricoperti di melma lasciata dal torrente.
Poi finalmente nella giornata di sabato, quasi quattro giorni dopo è arrivata in forze la Protezione Civile e le cose sono andate decisamente meglio, è stato quindi possibile sgomberare sia le strade dalla montagna di materiale da smaltire, sia dall'acqua che ancora stazionava nelle cantine e per le strade.
Questa buonissima torta trovata sul blog di "Chiara del blog la pancia del lupo" è stata scelta per i volontari che hanno prestato la loro opera nella giornata di domenica, la ricetta originale la trovate qui, io l'ho leggermente modificata, perchè non avevo tutti gli ingredienti nella dispensa.
La ricotta rende questa torta cremosa e tenerissima e il caffè unito al cioccolato la rende davvero insuperabile.....
Neanche a dire che le quattro torte che ho preparato sono letteralmente sparite dai vassoi,







Ingredienti:

1/2 kg.di ricotta
2 uova
1 baccello di vaniglia
150 gr.di cioccolato fondente
1/2 tazzina di caffè concetrato
gr 100 burro a temperatura ambiente
gr 100 di zucchero
gr 250 di biscotti secchi
zucchero a velo q.b
teglia di 26 cm




Procedimento:

Tritate i biscotti finemente con il mixer, quindi aggiungete il burro e lavorate il composto fino a che non si sarà compattato.
Prendete uno stampo per crostate, imburrato e infarinato di diam. 26 cm. e distribuite uniformemente il composto, compattandolo con le mani.
Di seguito fate sciogliere il cioccolato a bagnomaria.
In una casseruola lavorate con le fruste elettriche lo zucchero con i tuorli e i semi dell'estratto di vaniglia, quindi aggiungere la ricotta setacciata, il caffè e il cioccolato mescolando questa volta con un cucchiaio di legno.

Montate a neve ben ferma gli albumi che aggiungerete piano piano al composto preparato in precedenza. Versate la crema nella teglia e livellate la crema uniformemente.
Mettete in forno statico per 45 minuti a 180 gradi, quindi sfornate e una volta che la crostata si sia raffreddata ricoprite di zucchero a velo.


martedì 14 ottobre 2014

rotolino di pollo



E piove, piove, con violenti scrosci d'acqua fin da questa mattina, la pioggia talmente forte da formare nebbia, un temporale infinito, tuoni e fulmini per tutta la mattinata, tutti siamo sempre più preoccupati, il nostro pensiero va alla città di Genova, dove ancora c'è emergenza, e ancora non ha smesso di piovere...Nessuno sospetta che Parma a breve si sarebbe in parte allagata, non era mai successo! 
E così in pochi minuti ci troviamo in emergenza...i telefoni improvvisamente non sono più funzionanti, arrivano notizie dell'arrivo di pazienti da un'altro ospedale che risulta allagato, ponti e strade vengono chiusi... panico, mia figlia si trova al campus universitario proprio dove c'e l'emergenza maggiore e chiaramente non si riesce a contattare!
Una giornata che sarà difficile dimenticare, anche se alla fine tutto è finito bene e ci siamo ritrovati tutti a casa!!!
Per allentare la tensione accumulata, tutti ci siamo impegnati, il consorte ha apparecchiato, io e la mia ragazza abbiamo cucinato, con quello che avevo in frigorifero e che non era congelato... volevamo qualcosa di sfizioso, non tanto per fame, ma per il gusto di stare a tavola tutti insieme.... 
Il consorte ha fatto anche le foto, da non credere!!!





Ingredienti:

2 petti di pollo
4 fette di prosciutto cotto
sale e pepe
formaggio pecorino stagionato
olio E.V.O.
timo, maggiorana, rosmarino e salvia
1/2 bicchiere di vino bianco secco




procedimento:

Aprire a libro con un coltello affilato i petti di pollo e batterli con il batticarne, dandogli se possibile una forma regolare, cospargere con un pizzico di sale e di pepe.
Coprire con una fetta di prosciutto cotto e formaggio pecorino stagionato tagliato a fettine sottili, quindi arrotolare dandogli la forma di un piccolo cilindro. 
Avvolgere in una fetta di pancetta, quindi legare con filo da cucina.
Posizionare i rotolini in una teglia con un filo di olio e gli aromi, quindi passare al forno caldo, 200 gradi. 
Fare rosolare da tutte le parti i rotolini, quindi, aggiungere a filo il vino bianco, lasciare nel forno fino a che non si sia formata una crosticina croccante, circa 20 minuti.




domenica 12 ottobre 2014

Plum cake all'arancia




Le previsioni di oggi davano pioggia, che invece non c’è stata, in compenso un clima decisamente autunnale… nuvole basse, una leggera nebbiolina, la temperatura decisamente più fresca e l’umidità che ormai è entrata anche in casa, proprio per questo ho chiesto al consorte di accendere il camino...
E’ lui l’addetto all’accensione, alla sua pulizia è lui che durante il fine settimana mi fa trovare, al mattino, il camino acceso, quando scendo… non è adorabile?
Se c’e una cosa che mi rende felice è proprio questa, la colazione con il camino acceso… e allora ho scelto questo plum cake all’arancia per completare la colazione!!! E' soffice e morbissimo, proprio il dolce che fa per me! 




Ingredienti:

200 g. di farina
50 gr di fecola
150 gr di zucchero
1 cucchiaio di miele ai fiori di arancia
mezzo bicchiere di latte
90 gr di burro
3 uova
1 busta di lievito per dolci
1 bicchiere di succo d'arancia
scorza d'arancia grattugiata




Procedimento:

Per prima cosa dividete i tuorli dagli albumi, di seguito aggiungete lo zucchero ai tuorli e aiutandovi con le fruste elettriche montatele fino ad ottenere un impasto omogeneo. Aggiungete il burro ammorbidito, il latte ed il succo dell'arancia e sempre con l'aiuto delle fruste mescolate bene l'impasto. Versate le farine setacciate ed il lievito, quindi aggiungete la scorza d'arancia grattugiata e mescolate bene.
A parte montate gli albumi a neve ferma, aggiungiate gli albumi al composto e mescolate delicatamente, con movimenti dal basso verso l'alto, facendo incorporare aria. Dovrete ottenere un composto soffice e spumoso. Versate il tutto in uno stampo da plum cake imburrato e mettetelo in forno preriscaldato a 170° per circa 40 minuti.


martedì 7 ottobre 2014

Crostata di pere e crema di arance




<Questa si, che mi piace> mi ha detto il consorte dopo averne mangiato due enormi fette che avrebbero sfamato un esercito...  <è proprio pacioccosa>  ha continuato pulendosi la bocca, e continuando mi ha detto <portala subito via se non vuoi che la finisca!>  infatti non è arrivata  a sera...
Avevo trovato le arance al supermercato e  le avevo acquistate, le prime della stagione, non potevo non comprarle, anche perchè avevo già adocchiato questa torta e senza di loro non avrei potuto prepararla...
La torta di pere con crema all’arancia è una torta morbidissima, è farcita con una crema che ha tutto il gusto delle arance fresche appena spremute e Il contrasto fra pere, arance e cioccolato, per finire,  la rende veramente unica…
La ricetta originale la potete trovare sul sito di rebeccadelsol, un'amica blogger, dove potete trovare tante idee per la vostra tavola...

Ingredienti:
150 g di burro
150 g di zucchero semolato
1 uovo
vaniglia in polvere
6 g di lievito per dolci
280 g di farina 00
un pizzico di sale




Crema:
400 gr. latte
100 gr. succo d’arancia
3 cucchiai fecola
4 cucchiai di zucchero
buccia di arancia grattugiata
vanillina
2 pere
gocce di cioccolato fondente q.b.
zucchero a velo q.b. (a piacere)
marmellata di arance q.b.






Procedimento:

Mettere in una padellina antiaderente le pere lavate e sbucciate e tagliate in 4 spicchi, con un abbondante cucchiaio di zucchero e qualche scorzetta d’arancia, fare andare a fuoco medio per circa 10 minuti, facendo attenzione a non fare attaccare o bruciacchiare la frutta, quindi lasciare raffreddare. 

Preparare la crema:
Intiepidire il latte con il succo e la buccia grattugiata d’arancia in una pentolina.
In un'altra pentolina  mescolare la fecola con lo zucchero e la polvere di vaniglia, unire sempre mescolando, il latte con il succo di arance, facendo attenzione che non si formino dei grumi.
Una volta incorporato tutto il latte, unire la vanillina e porre sul fuoco e sempre mescolando portare ad addensare il tutto, togliere dal fuoco e lasciare raffreddare.



Per la pasta frolla:
Lavorate il burro a pezzetti con lo zucchero, aggiungete l'uovo, la vaniglia e un pizzico di sale, lavorate bene fino ad ottenere un composto omogeneo. Unite il lievito, la farina setacciati insieme, lavorate velocemente fino ad ottenere un impasto omogeneo e compatto. Formate una palla, avvolgetela nella pellicola trasparente e lasciatela riposare in frigorifero per almeno 1 ora.
Imburrate ed infarinate uno stampo rotondo di 27 cm di diametro.


Mettete da parte una piccola quantità di pasta frolla per la decorazione a strisce e stendete il resto ad uno spessore di 3/4 millimetri quindi foderate la teglia. 
Stendete un velo di marmellata di arance sulla base di pasta, quindi riducete a fettine gli spicchi di pera e sistemateli sulla frolla.
Versate la crema all'arancia e livellate bene la superficie con un cucchiaio. Ricavate dalla frolla rimasta alcune strisce di pasta e disponetele a griglia sul ripieno.
Cuocete la crostata in forno preriscaldato a 180° per circa 30-35 minuti. Lasciatela raffreddare completamente prima di sformarla. A piacere potete spolverarla di zucchero a velo.



mercoledì 1 ottobre 2014

Crostata d'uva bianca e nera


Oggi è il primo ottobre, diversi anni fa era il primo giorno di scuola... grembiulino bianco e fiocco rosa per le bambine, grembiulino azzurro, per i maschietti, e che agitazione... le maestre non erano così pazienti e materne come al giorno d'oggi!!!
Sarà forse questa giornata bigia e piovigginosa, che mi fa tornare indietro nei ricordi; una nota piacevole sono i colori che ci mostra la natura, meravigliosi... così caldi e fiammeggianti!!
Volevo preparare qualcosa utilizzando un prodotto tipico dell’autunno e che cosa se non il simbolo di questo mese: l'uva!
La scelta è caduta su questa crostata riempita con una gustosa e profumata crema pasticcera e ricoperta dagli acini bianchi e neri dell’uva.
Per la crema pasticcera ho scelto quella di Ernst Knam che è la mia preferita...




Ingredienti per la frolla:

120 gr di burro
120 gr di zucchero
300 gr di farina
2 uova intere
1 pizzico di sale
teglia diam. 27 cm.



per la crema pasticcera:

340 gr Latte Fresco Intero
80 gr Tuorli
60 gr Zucchero Semolato
20 Amido Di Mais
10 Amido Di Riso
1 stecca di Vaniglia




Procedimento:

Per la crema pasticcera: Incidete nel senso della lunghezza la bacca di vaniglia, raschiate la polpa con la lama del coltello e unitela in una terrina insieme ai tuorli.Versate il latte in una casseruola, unitevi il baccello di vaniglia e fatelo scaldare. Aggiungete ai tuorli lo zucchero e con una frusta lavorate il composto, ma senza montarlo.
Aggiungete al composto di tuorli lo zucchero e con una frusta lavorate il composto, ma senza montarlo; incorporate in un solo colpo gli amidi miscelati e setacciati, quindi prima che il latte prenda il bollore, prelevatene un po' e incorporatelo alla crema di tuorli per renderla più fluida. 
Incorporate al latte, quando raggiungerà il bollore, la crema di tuorli e proseguite la cottura almeno 2-3 minuti, mescolando vigorosamente con la frusta, finchè la crema pasticcera s'addenserà. Più la lascerete cuocere più diventerà consistente. Trasferitela in un contenitore largo e basso e copritela con la pellicola trasparente (direttamente a contatto con la crema), per evitare che si formi la pellicina, quindi lasciate raffreddare. 



Per la pasta frolla:

Mescolate lo zucchero con le uova, poi aggiungete il burro ammorbidito, la farina, il lievito, il sale e impastate per bene.
Avvolgete l'impasto nella pellicola e tenetelo in frigorifero per almeno un'ora.
Sistemate questa base in una teglia di diam. 27 cm. sistemando la pasta in modo da formare un bordo di circa un 1/2. Ricoprite la base di pasta con un foglio di carta forno della stessa misura e ricoprite il tutto con uno strato di riso o di fagioli per la cottura in bianco.
Mettete in forno a 150 gradi per circa 30/35 minuti, quindi togliete la teglia dal forno e fate raffreddare la pasta.
Sistemate la torta su di piatto da portata e ricoprite con la crema pasticcera, preparata in precedenza, la base della torta, livellatela, quindi ricoprite con gli acini di uva, a vostro piacere.
Per ultimo fate sciogliere alcuni cucchiai di gelatina di albicocca con un goccio di acqua o di vino bianco dolce e versateli sopra la frutta per evitare che questa sia a contatto con l'aria.