lunedì 30 marzo 2015

Risotto al pesto di rucola



Ieri finalmente una bellissima giornata primaverile, ne abbiamo approfittato per una gita a Prato, una bellissima cittadina toscana, con un centro storico ricco di storia, che mi ha letteralmente stupito, per la sua bellezza.
Prato vanta tantissimi monumenti di grande interesse storico ed artistico, noi abbiamo visitato il Duomo dedicato a Santo Stefano con i dipinti di Filippo Lippi e dove è conservata la reliquia della Sacra Cintola, il palazzo dell'Imperatore di cui rimangono solo le mura esterne e l'antico palazzo comunale che raccoglie molte opere d'arte che vanno dal Medioevo all'ottocento.
Quindi, nel pomeriggio una visita alla  famosa Villa Ambra di Poggio a Caiano, costruita da Lorenzo il Magnifico e  forse la villa medicea più famosa e ricca di storia.
Una domenica all'insegna del passato... ma tornando nel presente visto che abbiamo pranzato a panini ho preparato questo risotto velocissimo e molto appetitoso!!!






Ingredienti per 4 persone:
320 gr. di riso arborio
1 porro
1 bicchiere di vino bianco secco
300 gr di rucola
2 zucchine
1 spicchio di aglio
100 gr di Parmigiano Reggiano
30 gr. di pistacchi
olio E.V.O.
sale e pepe
brodo q.b.




Procedimento:
In una casseruola fate rosolare con un filo di olio il porro tritato, unite il riso e fatelo tostare, sfumate con il vino bianco, e portate a cottura aggiungendo il brodo man mano che viene assorbito.
Scottate la rucola in acqua bollente e salata, quindi scolatela e lasciatela raffreddare.
Lavate le zucchine, pelatele e tagliatele a rondelle; in una padella fate rosolare in un filo di olio l'aglio schiacciato, unite le zucchine e fate cuocere per una decina di minuti, salate e pepate date un ultima mescolata e lasciate raffreddare.
Unite nel mixer le zucchine la rucola il Parmigiano grattugiato, i pistacchi e un pizzico di pepe, frullate il tutto unendo a filo l'olio necessario a ottenere un pesto omogeneo e cremoso.
A cottura ultimata togliete dal fuoco il risotto e mantecate con il pesto ottenuto. 
A piacere potete aggiungere ancora una spolveratina di formaggio grattugiato.

domenica 22 marzo 2015

Torta soffice di amaretti e philadelphia


La torta che vi propongo oggi fa parte dei bei ricordi del passato, era una delle mie preferite... è soffice e delicata, preparata con ingredienti semplici; un dolce soffice e senza burro con un delicato profumo di amaretto che ben si amalgama al profumo del Philadelphia.



Ingredienti:

6 uova intere
gr. 250 zucchero
2 confezioni panna (da 200 gr. cad. )
gr. 250 Philadelphia Kraft
1 bustina di vanillina
4 cucchiai di farina

gr. 150 amaretti

Per la crema Chantilly

Ingredienti:
250 gr panna montata fresca 35% grassi
1 bustina di vanillina
25 gr di  zucchero a velo





Procedimento:
Lavorare con lo sbattitore elettrico i tuorli con lo zucchero, aggiungere la farina setacciata  e sempre mescolando unire, il formaggio Philadelphia, la panna, la vanillina.
Montare a neve le chiare e incorporarle piano piano all'impasto e amalgamare bene il tutto.
Ungere e infarinare una teglia, (diam. 28 cm.) sbriciolare  sul fondo metà degli amaretti, versare l'impasto e terminare con l'altra metà degli amaretti sbriciolati.
Infornare a 160 °C per un'ora circa. Fate raffreddare la torta e posatela sulla tortiera, quindi con l'aiuto di un cucchiaio cospargete con la crema chantilly.
Meglio prepararla il giorno precedente e conservare sempre in frigorifero.




Crema Chantilly

Procedimento:

Aggiungete alla panna fresca ben fredda la bustina di vanillina e montate con le fruste elettriche. Aggiungete poco alla volta lo zucchero a velo, meglio se setacciato e montate fino a che non avrete ottenuto una crema gonfia e chiara.


mercoledì 18 marzo 2015

crostata di mele e noci

Al lavoro siamo tutte donne, esattamente ventinove, gli uomini sono in grande minoranza solamente otto, quando ci muoviamo per la pausa caffè, sembriamo un plotone dell'esercito, nessuno ci ferma, marciamo compatte lungo il corridoio sino alla famigerata macchinetta che per un quarto d'ora sforna caffè uno dopo l''altro.
Gli argomenti nei gruppetti che si formano sono sempre gli stessi  non cambiano mai:  la famiglia, i figli, il tuo dirigente  che ti stressa, il marito che non ti aiuta, ma alla fine l'argomento principale è la cucina... "Cosa fate questa sera da cena?"  Oppure "Ieri sera ho fatto una cenetta...."  "dai racconta!" finisce sempre così sembra un copione... 
Negli ultimi giorni si è parlato tantissimo di questa torta, per la precisione di due torte alquanto simili, una è quella che ho preparato, dell'altra ve ne parlerò la prossima volta....
E' una torta di mele quelle sempre amate da tutti per la loro semplicità e per il loro gusto che non delude mai, sono buone, dolci,  sono torte  che sanno di “casa” e di tradizione…. 




Ingredienti:
250 gr. farina
130 gr. burro morbido
100 gr. zucchero
1 uovo + 1 tuorlo
1 cucchiaino di lievito
1 bustina di vanillina
1/2 cucchiaino di bicarbonato


2 mele
50 gr di noci
 marmellata di albicocche q.b.
gherigli di noce q.b.


Procedimento:Preparare la frolla lavorando dapprima il burro con lo zucchero aggiungere le uova, la vanillina, il lievito e poi pian piano incorporare la farina e il bicarbonato. Lavorare l'impasto fino ad ottenere un panetto omogeneo, avvolgere nella pellicola trasparente e conservare in frigorifero per circa 30 minuti.
Togliere dal frigorifero la frolla, stendere tutto l'impasto nella teglia per crostate (diam. cm. 28), quindi cospargere la base con un velo di marmellata.
Lavare e pelare le mele, tagliarle a fette sottili, quindi disporle a raggera sulla base.
Ricoprire le mele con le noci, leggermente sbriciolate, su tutta la superficie.
In un pentolino sciogliere 4 -5 cucchiai di marmellata con due cucchiai di acqua per diluirla, quindi con un pennello distribuirla sulla torta.
Infornare in forno caldo a 160- 170 gradi per circa 40 minuti, o almeno fino a doratura della crostata.








sabato 14 marzo 2015

Gnocchi di zuccca


Questa ricetta proviene dal blog lacucinadimolly, gli gnocchi di zucca al sugo di funghi, mi avevano subito colpita; morbidissimi e con un sughetto molto interessante.
 E' un piatto semplice ma arricchito da un sughetto ai funghi che li rende stuzzicanti e saporiti e che ben contrasta con il dolce della zucca.
Ho modificato leggermente gli ingredienti, perchè volevo finire alcune scorte che ormai stazionavano in dispensa, ma ho seguito la ricetta originale che comunque trovate qui.
Per ultimo  il marito  ha voluto aggiungere, anche del Parmigiano grattugiato sugli gnocchi, vi riporto le sue parole... "sono formidabili!!"






Ingredienti per 2 persone:

15 g di funghi porcini secchi
300 g di polpa di zucca

farina q.b.
150 g di pomodori pelati
2 cucchiai d'olio E.V.O.
1 ciuffo di prezzemolo
1 spicchio d'aglio
peperoncino 

una presa di sale
Parmigiano grattugiato 






Procedimento:
Tagliate la zucca a cubetti grossi e cuocetela nel forno a 180 gradi per circa 40 minuti.
Mettete in ammollo i funghi secchi in acqua tiepida, mentre la zucca si trova in forno preparate il condimento.
Versate l’olio in una casseruola e fate rosolare l’aglio con un pezzettino di peperoncino, togliete i funghi dall’acqua, strizzateli e versateli nella casseruola, aggiungendo la passata di pomodoro, il prezzemolo tritato, salate e lasciate cuocere per circa 10 minuti, eventualmente aggiungete un goccio di acqua dei funghi, se dovesse asciugarsi troppo.
Togliete dal forno la zucca, decorticatela e riducete la polpa a purea, utilizzando lo schiacciapatate o un setaccio.
Riversate la purea sulla spianatoia, salate e aggiungete tanta farina quanto basta per ottenere un impasto liscio e consistente.
Tagliate a fette regolare il panetto di pasta e da queste formate dei nastri lunghi e rotondi di pasta, facendoli rotolare sulla spianatoia cosparsa di farina. Con un coltello tagliateli a tocchetti di circa 1 cm. infarinateli e premete il pollice al centro di ognuno facendolo scorrere sul tagliere, lo gnocco deve rotolare e assomigliare ad un ricciolo.
Immergeteli quindi in una pentola dove avrete portato ad ebollizione abbondante acqua salata; quando affioreranno, dopo pochi muniti, raccoglieteli con una schiumarola e insaporiteli con il condimento a base di funghi.
Versate a piacere parmigiano grattugiato.

martedì 10 marzo 2015

Risotto al limone e cavoletti di Bruxelles






Ingredienti per 4 persone:


250 gr di riso Carnaroli
300 gr di cavoletti di Bruxelles
400 ml di di brodo
1 limone
1 piccolo scalogno
1 bicchiere di vino bianco secco
noce moscata
olio E.V.O.
Sale




Procedimento:

Lessate i cavoletti di Bruxelles a vapore per circa 10 - 15 minuti quindi scolateli e metteteli a parte. Tritate lo scalogno e fatelo appassire in una casseruola con un filo di olio, aggiungete il riso e fatelo tostare, aggiungete per ultimo il vino e fatelo sfumare.
Portate a cottura il riso aggiungendo il brodo e mescolando frequentemente. A metà cottura unite i cavoletti, lessati e tagliati in quarti.
Aggiustate di sale, quindi una volta portato a cottura il riso aggiungete il succo di limone  e profumate con la scorza di limone grattugiata, spolverizzate con un pizzico di noce moscata e servite.



domenica 8 marzo 2015

Coniglio in casseruola con porri e zafferano







Stanchi del solito coniglio arrosto o alla cacciatora? Ecco un altro modo per cucinare in maniera diversa il coniglio...
Un modo semplice e alternativo ma altrettanto invitante e fragrante!





Ingredienti:

1 coniglio

2 porri
1 bicchiere di panna
100 gr di bacon
1 bicchierino di cognac
2 bustine di zafferano
aceto
burro
sale e pepe




Procedimento:


Pulite i porri e tagliateli a rondelle quindi fateli rosolare in casseruola con un pezzetto di burro e il bacon tagliato a listarelle sottili.
Dopo aver lavato accuratamente il coniglio con acqua e aceto, tagliatelo a pezzi, sistematelo in padella insieme ai porri e al bacon e iniziate la cottura.
Fate rosolare bene il coniglio, quindi sfumatelo con il cognac e lasciate cuocere con il coperchio.
A 3/4 della cottura unite la panna e lo zafferano e lasciate ridurre. A questo punto spegnete e lasciate riposare alcuni minuti, servite il coniglio con la salsina di panna e zafferano.

mercoledì 4 marzo 2015

Plumcake glassato al limone caramellato con arancia candita






Ingredienti:

200 gr di farina
2 uova
1 limone
7 cl di panna fresca
70 gr di burro
70 gr di zucchero
3 cucchiai di rum
un pizzico di sale

per la decorazione:

80 gr di zucchero a velo
70 gr di gelatina di albicocche
scorzette di arancia candite



Procedimento:

In una terrina raccogliete le uova, un pizzico di sale e la scorza grattugiata di un limone e montate leggermente con le fruste elettriche. Aggiungete la panna, la farina setacciata con il lievito, lo zucchero e mescolate bene. Aggiungete il burro fuso  e freddo e per finire due cucchiai di rum.
Versate il composto in uno stampo da plumcake, imburrato e infarinato e passate in forno già caldo a 180 gradi per 40 - 45 minuti.
Sfornate e lasciate raffreddare, ponete il plum cake su una gratella, quindi con un pennellino bagnate la sua superficie con l'ultimo cucchiaio di rum.
Sciogliete in un pentolino la gelatina di albicocche con un cucchiaio di acqua e spalmatela sulla superficie del dolce.
Per la glassa:
In un pentolino unite lo zucchero a velo con il succo di un piccolo limone, ponete sul fuoco e continuate a mescolare, fino a quando lo zucchero non avrà raggiunto un colore ambrato, quindi togliete dal fuoco, aggiungete le scorzette di arancia candite e versate il tutto, lentamente sulla superficie del dolce.