venerdì 19 settembre 2014

Torta cappuccina





Ogni qualvolta vado a Modena è d’obbligo cercare un forno o una pasticceria per mangiarmi una fetta di torta cappuccina...
Non è facile trovarla ma se si presta attenzione alle vetrine dei piccoli forni del centro la si trova sicuramente, perché comunque è uno dei tanti dolci tradizionali della città.
Non è una torta molto conosciuta, tantomeno la sua ricetta, custodita nei quaderni delle tante “rezdore” della zona, che difficilmente tendono a mostrare.
E’ un dolce dal gusto delicato, morbido e gustoso, di quelli che si sciolgono in bocca e il suo profumo rimane per tanto tempo…
Sono riuscita ad avere la ricetta da una collega modenese al termine di una riunione di lavoro, dove alla fine si finisce sempre col parlare di cibo, giusto per risollevare il morale…


per la frolla:
200gr.di farina00
1 pizzico di sale
75gr.di zucchero
75gr.di burro
2 tuorli d'uovo
3/4 cucchiai di acqua fredda


per la crema 
125gr.di mandorle
40gr.di farina00
2 uova
125gr.di burro morbido
125gr.di zucchero
1 stecca di vaniglia
1/2 fialetta di aroma alla mandorla




per il ripieno:
marmellata di amarene


per la guarnizione:
30gr.di mandorle a lamelle
zucchero a velo

Procedimento:

Per la pasta frolla:
Impastare burro e farina, aggiungere lo zucchero, le uova, la scorza di limone, un pizzico di sale, i cucchiai di vino bianco, Lavorare velocemente e formare una palla, avvolgerla in pellicola per alimenti e lasciarla riposare in frigorifero.

Per la farcia:

Amalgamare con le fruste elettriche il burro con lo zucchero. Aggiungere le uova, la farina di mandorle e la farina 00, unire gli aromi di vaniglia e di mandorle, continuando a montare sempre con le fruste per alcuni minuti.
Imburrare e infarinare una teglie del diametro di cm 24. Foderare la teglia con la frolla preparata in precedenza, quindi stendere uno strato sottile di marmellata di amarene.
Infine stendete sulla marmellata la farcia preparata in precedenza, guarnire con le mandorle tritate. Cuocere in forno statico a 180 °C per 40 minuti circa.
Una volta raffreddata cospargere con zucchero a velo.

12 commenti:

  1. Flora non conoscevo questa torta e la trovo meravigliosa, grazie di cuore per aver condiviso la ricetta!! La farò certamente nelle prossime settimane!!

    RispondiElimina
  2. non la conoscevo, quando ho letto cappuccina ho pensato fosse al caffè, pensa che ignoranza.... :-) ma chissà che buona! molto burrosa, dovrò aspettare per rifarla sono a dieta :-( che barba

    RispondiElimina
  3. non conoscevo questa torta...in una delle mie prossime uscite a Modena,andrò alla ricerca di questa delizia!!
    grazie per averla condivisa..a presto!

    RispondiElimina
  4. Ciao Flora, non conoscevo questa torta, sicuramente è troppo buona e golosa e il suo aspetto veramente invitante, mi sta venendo l'acquolina solo a leggere la ricetta e a guardare le foto, che bontà:))
    un bacione e grazie mille per la condivisione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  5. Ciao Flora, che meraviglia questa ricetta tradizionale! Questa torta non la conoscevo, ma provvedo subito, prendo carta e penna e la segno.
    Grazie e buona giornata

    RispondiElimina
  6. pensavo fosse fatta con il cappuccino!!!!Splendida ricetta, comunque, da provare, m'ispira molto!!!Buona domenica baci Sabry

    RispondiElimina
  7. ma quanto è buona!non conoscevo questa torta, ma ora devo farla!la tua è superbuona!!!!buon we simona:)

    RispondiElimina
  8. Quante idee golose.....sei proprio brava, passerò spesso a farti visita

    RispondiElimina
  9. Che bella questa torta! io adoro le amarene! me la segno perché deve essere davvero speciale! Lieta di conoscerti: mi sono iscritta anche io al tuo blog e ti seguo più che volentieri!! A presto!! <3

    RispondiElimina
  10. Ci credi? Mai sentita nominare. Prossima volta che passo per Modena, la assaggio (sempre se non la faccio prima io in casa!)

    http://langolodellacasalinga.blogspot.it/

    RispondiElimina
  11. Grazie, Flora, per avermi fatto conoscere una specialità golosissima e tipica del modenese. E tu l'hai realizzata magnificamente!
    Un caro saluto,
    MG

    RispondiElimina
  12. il nome è un po strano ma gli ingredienti e la preparazione è veramente super

    RispondiElimina