lunedì 10 dicembre 2018

Sbriciolata all'arancia



Un dolce ricco di profumo, dal gusto delicato e dal piacevole aroma di arancia, ideale per chi ama gli agrumi nei dolci.
Un dolce dal gusto morbido, con una crema all'interno morbida e vellutata.
Una torta ideale per rendere speciale la colazione di tutta la famiglia, inoltre le arance donano una sensazione leggera e fresca, un dolce soffice e genuino facile da preparare, ma dal sapore e dal profumo inconfondibile...
Si conserva per alcuni giorni e più passa il tempo e più i profumi si amalgamano e il dolce diventa sempre più buono!!!



Ingredienti:
la buccia grattugiata di un'arancia biologica
200 gr di farina
100 di zucchero
100 di burro
1 uovo
un cucchiaino di lievito per dolci
1 bustina di vanillina

Ingredienti per la crema all'arancia:
succo e buccia di un'arancia biologica
2 cucchiai di cointreau
50 gr di zucchero 
2 uova
25 gr di farina
20 gr di maizena
1 bustina di vanillina
250 ml di latte



Procedimento:

Grattugiare la buccia dell'arancia e unirla allo zucchero.
Setacciare la farina con 1 cucchiaino di lievito per dolci e la vanillina, quindi unire il burro freddo, l'uovo, la ricotta, mescolate tutto fino ad ottenere un composto a briciole. Lasciate riposare le briciole in frigorifero sparse su una teglia e coperte dalla pellicola per circa un'ora.
(nell'eventualità che risultasse poco sbricioloso, aggiungete ancora un po' di farina).

Per la crema:
Grattugiate la buccia dell'arancia e mescolatela allo zucchero, mettete il tutto in una piccola casseruola, incorporate le uova con una frusta e mettete sul fuoco.
A filo unite, sempre mescolando, il latte, la farina e la maizena e il succo dell'arancia e lasciate cuocere finchè la crema non si rapprende, quando la crema si sarà raffreddata incorporate due cucchiai di cointreau.
Riprendete l'impasto e sistemate 3/4 di briciole sul fondo di una teglia a cerniera di diam. 22 cm. farcite con la crema e ricoprite la superficie con le restanti briciole.
Infornate a 170 gradi per circa 20 minuti, fino a che le briciole non risultino dorate.




sabato 1 dicembre 2018

Filetti di pollo alla mediterranea



I filetti di pollo alla mediterranea sono un piatto che richiama tutti i sapori della cultura mediterranea; un piatto semplice ed economico, per di più con poche calorie e pochi grassi. Questo piatto è facile e veloce, gustoso e leggero, perfetto per tutti, un modo diverso per preparare il pollo e rendere questa carne più sfiziosa.


Ingredienti:

5 filettini di pollo
farina q.b.
200 gr di datterini
20 g di pesto alla genovese
30 g di di olive taggiasche o olive nere
1 spicchio d’aglio
Brodo q.b.
Olio E.V.O.
Origano  
Sale
Pepe  nero


Procedimento:

Infarinate i filetti e teneteli da parte.
Preparate il sugo lasciando insaporire l’olio con uno spicchio d’aglio. Aggiungete i pomodorini tagliati a metà, quindi salateli per favorire la fuoriuscita dell’acqua di vegetazione dei pomodori. Unite  le olive e per ultimo il pesto genovese.
Eliminate lo spicchio d’aglio e mettete in padella con il sugo precedentemente preparato i filetti di pollo infarinati, continuando la cottura aggiungendo un mestolino di acqua o brodo, fino a completa cottura, prima di servire aggiungete una spolverata di pepe.




mercoledì 28 novembre 2018

Al ris col pist ( vecchia ricetta parmigiana)


Oggi vi parlo di un piatto semplice e gustoso della tradizione parmigiana "il riso col caval pist".
Quando si parla di pesto di cavallo o “Caval Pist” si parla di carne trita a cui viene unito un condimento fine di aglio, olio, sale, pepe ed erbe aromatiche, "la concia"; di solito si utilizza senza cottura aggiungendo qualche goccia di succo di limone, oppure scottandolo leggermente sulla piastra.
A Parma è una tradizione ed esistono ancora diverse macellerie che lo preparano.
Questo è un risotto unico nel suo genere con i suoi forti sapori ed è un'antica ricetta di estrazione popolare, è considerato un piatto povero; oggi è amato tantissimo da coloro che vogliono provare le sensazioni di una volta...



Ingredienti per 2 persone:

160 gr di riso Carnaroli o Arborio
100 gr di cavallo pesto conciato
vino bianco secco
1/2 cipolla
olio E.V.O. 
burro
1/2 cucchiaio di salsa triplo concentrato 
Parmigiano Reggiano
1 lt di brodo di carne


Procedimento:

Scaldate alcuni cucchiai di olio E.V.O. in una casseruola larga e capiente unite la cipolla sminuzzata finemente, quando la cipolla sarà trasparente aggiungete il trito di cavallo e lasciatelo rosolare per qualche minuti, quindi aggiungete il riso e fatelo tostare per alcuni minuti.
Sfumate con il vino bianco e continuate la cottura versando man mano il brodo. 
A metà cottura unite un cucchiaio raso di salso triplo concentrato sciolto in  poco brodo.
A cottura ultimata mantecate con il burro, unite il parmigiano grattugiato, date un ultima mescolata e impiattate. Per chi ama il Parmigiano, potete metterne un altra spolverata sul risotto.





martedì 27 novembre 2018

Passatelli in brodo



Dopo giorni grigi di pioggia e freddo finalmente è ricomparso il sole, ma l'aria è rimasta fredda fredda.  Mario mi ha chiesto di preparare un primo con il brodo “per scaldarsi" morbido, gustoso, che si sciolga in bocca e allora cosa c’è di meglio dei passatelli?
E visto che è proprio una bella giornata di sole li ho preparati volentieri anche se non è domenica!!!
I passatelli una ricetta creata dalle donne romagnole, che hanno saputo trasformare ingredienti poverissimi in un piatto eccellente.



Ingredienti per 2 persone:

120 gr di pane grattugiato  
120 gr di formaggio parmigiano reggiano grattugiato
2 uova (1 uovo per persona)
noce moscata a piacere
sale
Parmigiano Reggiano q.b.

Per il brodo di carne:
1 pezzo di manzo (cappello del prete)
1/2 gallina
1 carota
1 costa di sedano


Procedimento
Per il brodo:
Lavate la carne sotto l'acqua corrente. Pulite le verdure, tagliate la carota e il sedano a tocchetti e raccoglieteli in una capiente pentola piena di acqua fredda.
Unite la mezza gallina e il pezzo di manzo, ponete sul fuoco e portate al bollore. Schiumate utilizzando un mestolo forate e abbassate la fiamma. Fate sobollire dolcemente per circa tre ore semi coperto. Filtrate il brodo con un colino a maglie fitte e salatelo finchè è ancora caldo.


Per i passatelli:
In una terrina unite il pane grattugiato al formaggio, un pizzico di sale e una spolverata di noce. Impastate il composto così ottenuto aggiungendo 2 uova. Amalgamate gli ingredienti facendo attenzione alla consistenza dell’impasto che deve risultare compatto. cioè non troppo morbido, ma nemmeno troppo duro. L’impasto deve essere preparato in anticipo in modo che i sapori leghino tra loro, dando vita a passatelli rugosi e consistenti. Inserire l’impasto poco per volta nello schiaccia passatelli a fori grossi e lasciate cadere i passatelli sul tagliere o su un canovaccio. Dopo aver filtrato il brodo mettetene  la metà in una casseruola più piccola e portatela al bollore. Abbassate il fuoco, (il brodo deve bollire leggermente per non rompere questa pasta così delicata), immergete i passatelli, quando, dopo alcuni minuti questi affioreranno, saranno pronti.
Impiattate e a vostro piacere  spolverare di Parmigiano -Reggiano grattugiato.

lunedì 26 novembre 2018

terrine di patate in crema di tonno e capperi



La terrina di patate tonno e uova è una ricetta facile, veloce e molto sfiziosa e può essere sia un piatto unico che un secondo piatto.
Non richiede tanti ingredienti per arricchirla, ma si possono usare quelli che si hanno a disposizione.
E' un piatto fresco e gustoso, inoltre se la realizzate la sera precedente il giorno dopo sarà ancora più gustosa. 


 Ingredienti:

200 gr di tonno in olio E.V.O.  
3 patate di media grandezza
3 Acciughe sott’olio 
4 Uova sode
10 olive nere
3 cucchiai di capperi 
Olio E.V.O.
Sale e Pepe


Procedimento:

Pelate le patate e tagliatele a fette circa 1 cm. di altezza, cuocetele al vapore, per circa 10-15 minuti. 
Le fette devono risultare morbide e tenere. 
Per preparare le uova sode iniziate ponendo le uova in un pentolino riempito di acqua fredda che dovrà coprire le uova, ponetelo sul fuoco e fate  arrivare a bollore, da questo momento calcolate sette minuti di cottura. 
Fate raffreddare le uova in acqua fredda, quindi sgusciatele.
Tagliate due  uova in quarti.
Mettete nel mixer le altre due uova, un cucchiaio di capperi, le acciughe, quattro olive denocciolate  e un  filo di olio E.V.O. , frullate fino ad avere una crema morbida.
Distribuite le fette di patata in quattro terrine, ricoprite con uno strato di crema al tonno e così fino ad esaurimento delle patate e della crema.
Guarnite ciascuna terrina con l'altro cucchiaio di  capperi, con le restanti olive e con una fetta di  uovo sodo. 
Potete completare il tutto con una spolverata di pepe nero.


domenica 25 novembre 2018

Pennette con robiola, zucchine e salmone



Il primo che vi propongo oggi è davvero delizioso e gustosissimo e le foto non gli rendono  certo giustizia!!!
E' un ottimo primo piatto leggero e sfizioso, velocissimo da preparare specie se avete poco tempo, ma se volete farvi una coccola è proprio quello giusto!!!
Un piatto dove salmone e robiola si abbinano perfettamente rendendolo cremoso e appetitoso un piatto perfetto sia a pranzo che a cena.



Ingredienti:
350 gr di pennette
150 gr di salmone affumicato
200 gr di robiola
1 scalogno
1 zucchino
olio E.V.O.
sale
pepe bianco 


Procedimento:

Scaldate in una casseruola un filo di olio, unite dopo averlo tritato lo scalogno e fatelo appassire nell'olio. Tagliate a fiammifero lo zucchino e mettetelo in padella, salatelo e rosolatelo per alcuni minuti, aggiungete due cucchiai di latte e portate a cottura. Stemperate la robbiola con alcuni cucchiai di latte per renderla più cremosa e versatela anch'essa in casseruola. Per ultimo anche il salmone e lasciate cuocere ancora per tre minuti.
Cuocete le pennette in abbondante acqua salata e scolatela al dente. 
Scolatele e saltate le pennette nel tegame con il condimento per alcuni minuti a fuoco vivo, eventualmente potrete aggiungere due cucchiai di acqua di cottura della pasta per amalgamare meglio la pasta con il suo condimento.


giovedì 22 novembre 2018

Torta di mele con cuore di marmellata

La  torta di mele il classico dolce dell'autunno...
Servono pochi ingredienti e un procedimento facile per ottenere un dolce, forse il più amato da tutti, a cui è impossibile resistere!!!
Una torta morbida e dolce con all'interno la marmellata che durante la cottura si fonde creando un'irresistibile delizia per il palato.
La torta con mele e marmellata è un dolce profumato e ricco di gusto da servire  sia a colazione che a merenda o per chiudere  in bellezza una cena con amici.
La torta che vi propongo oggi è entrata a far parte del mio ricettario da poco, ma ha subito avuto un alto gradimento... provatela con le mele renette che ora si possono trovane facilmente,  è semplicemente buonissima...


Ingredienti:

150 gr di farina 00
135 gr di zucchero
100 gr di burro morbido
2 uova  intere
1 bustina di lievito
2 mele renette   
2 cucchiai di marmellata di pesche
latte q.b.
zucchero a velo



Procedimento:

In una terrina setacciare il lievito con la farina e a seguire aggiungere burro morbido lo zucchero e le uova, amalgamare il tutto con le fruste elettriche, si deve ottenere un composto liscio ed omogeneo.
Nell'eventualità che fosse eccessivamente compatto aggiungere un po' di latte freddo.
Versate il composto in una teglia diametro 22 cm. imburrato e infarinato.
Pelate e tagliate a fette sottili le mele e distribuirle a raggiera, affondando bene gli spicchi, ma  lasciando libero il centro.
Mettete nel centro due cucchiai di marmellata di pesche.
Infornate la torta a 180 gradi già caldo e lasciate cuocere per circa 45 minuti.
Eventualmente coprite la torta se dovesse dorarsi troppo, con la stagnola.
Una volta pronta e sfornata e dopo averla lasciata raffreddare potete coprirla con zucchero a velo.





martedì 20 novembre 2018

Fusilli acciughe e cavolfiore con pangrattato

Il cavolfiore è una varietà di cavolo che si contraddistingue per il suo colore bianco, anche se adesso è possibile trovare il giallo di Palermo e il viola di Jesi.
Questo ortaggi si prestano a moltissime combinazioni e si abbinano benissimo sia a carne, a pasta,  ai formaggi...
Questo che vi propongo è un primo piatto ricco e gustoso, facile e veloce da preparare.
E' uno di quei piatto intelligenti che consente di mascherare il gusto del cavolfiore, ideale per chi non lo gradisce in particolar modo, rimane comunque un piatto per mangiare verdura e non rinunziare al gusto.


 Ingredienti per 4 persone:

320 gr.  di Fusilli 
500 gr. di  cime di cavolfiore
6 acciughe sott'olio
1/2  cipolla
1 peperoncino piccante piccolo
sale
olio E.V.O.
80 gr. di Pangrattato
Parmigiano Reggiano q.b.



Procedimento:


Tagliare le cime di cavolfiore e sbollentarle per 10 minuti in acqua salata. Dopo averle scolate lasciatele intiepidire, quindi tagliarle a pezzetti. Tritate la cipolla e fatela imbiondire in una padella con due cucchiai di olio E.V.O. Unite i filetti di acciuga e fateli sciogliere nel soffritto. Unite anche il cavolfiore e il peperoncino piccante, fate insaporire, aggiungete a questo punto 1/2 bicchiere di acqua e lasciate cuocere per circa quindici minuti con il coperchio.
Togliete il coperchio e regolate di sale, quindi con una forchetta schiacciate il cavolfiore fino a ridurlo a crema, se fosse ancora troppo sodo, aggiungete ancora un po' di acqua e continuate la cottura.
Tostate il pane grattugiato.
Fate cuocere i fusilli in abbondante acqua salata, scolateli al dente e saltate per qualche minuto nella casseruola con il condimento.
Versate la pasta nella zuppiera condite con parmigiano - reggiano, versate nei piatti e cospargete con il pangrattato tostato completando il piatto.


sabato 17 novembre 2018

Fusilli alla zingara

Oggi vi propongo un primo facile e veloce da preparare, ma ricco e gustosissimo... un primo piatto dai sapori mediterranei "I fusilli alla zingara".
Gli ingredienti che ho elencato sono per quattro persone, ma se rimanete solo in due, come è successo a me oggi, quando all'ultimo minuto mia figlia ha deciso di accettare un invito a pranzo con le amiche, potete usare metà condimento per la pasta e con l'altra metà potete insaporire dei pezzetti di carne, io ho scelto quella di tacchino.
La carne alla fine è risultata morbida e saporita e nel sughetto è obbligatorio fare la scarpetta!!!



Ingredienti per 4 persone:
300 gr di fusilli
400 gr di pomodorini
160 gr di tonno all'olio 
1 cucchiaio di capperi
50 gr olive verdi
50 gr di olive nere
2-3 foglie di basilico
1 spicchio di aglio
2 alici sotto'olio
1 piccolo peperoncino piccante
olio E.V.O.
sale q.b.
pecorino stagionato grattugiato



Procedimento:

In una larga padella mettete due cucchiai di olio e rosolateci l'aglio e il peperoncino. Quando l'olio si sarà insaporito togliete aglio e peperoncino e aggiungete i filetti di alici e fateli sciogliere nell'olio. Unite i pomodorini tagliati a spicchi, le olive prive del torsolo e tagliate a pezzetti, le foglie di basilico, i capperi, e il tonno spezzettato in modo grossolano e lasciate cuocere per circa dieci minuti. Cuocete in abbondante acqua, leggermente salata, e portate  al dente la cottura dei fusilli. Scolateli e saltateli nel tegame con il condimento a fuoco vivo per alcuni minuti. 
Servite i fusilli cosparsi di pecorino grattugiato.






Scaloppine alla zingara

200 gr di carne di tacchino
farina q.b.

Tagliate la carne a pezzetti non troppo piccoli, infarinateli e passatele per cinque sei minuti nel condimento, fino a completa cottura.





lunedì 12 novembre 2018

Gianduiotti di cavolfiore ai formaggi


Avete dei pezzi di formaggio stagionati in frigorifero che nessuno vuole più?  e allora eccovi una ricetta per risolvere questo problema...
Sono polpettine  semplici e sfiziose, che si preparano in un attimo, dove viene esaltato sia il profumo dei formaggi che quello  del cavolfiore... Li ho chiamati gianduiotti perchè assomigliano, seppur vagamente, ai famosi gianduiotti!!! 
Queste polpettine dalla  crosticina croccante all'esterno, ma dal cuore morbido e cremoso, sono gradite sia dai grandi che dai piccoli.
I formaggi che ho utilizzato sono gruviera, pecorino sardo e pecorino della maremma e una toma piemontese, ma ognuno utilizza quelli che vuole...




Ingredienti:
10 gr di gruviera
15 gr di di pecorino sardo
10 gr di pecorino della maremma
10 gr di toma piemontese
40 gr di pane grattugiato (pane pugliese) 
1 uovo
un pizzico di pepe bianco




Procedimento:


Dopo aver lavato il cavolfiore, lessatelo in abbondante acqua salata per 20 minuti circa. 
Scolatelo e mettetelo in una ciotola insieme ai formaggi che avrete scelto e che avrete in precedenza grattugiato, all'uovo, al pane grattugiato e per finire un pizzico di pepe bianco.
Lavorate il composto fino a renderlo cremoso ed omogeneo ma non appiccicoso.
Con due cucchiai formate i gianduiotti che andranno disposti in una teglia leggermente unta di olio E.V.O.
Cuocete in forno precedentemente riscaldato (statico) a 180 gradi per circa 20 minuti fino a doratura.
Potete servire i gianduiotti di cavolfiore ancora tiepidi accompagnandoli con salumi, oppure con una morbida insalatina.
Il giorno successivo queste polpettine sono ancora più buone.

sabato 10 novembre 2018

Torta ripiena di mele

Sono passati quattro mesi dall'ultima ricetta postata, ma una brutta labirintite, che tutt'ora non vuole andarsene mi ha costretto a mettere da parte questo blog.
Piano piano la situazione sta leggermente migliorando, sto cercando di ritornare alla vita di prima... ma che fatica!!!
Per cominciare una torta di mele facile facile, una vecchia ricetta che preparo spesso quando ho fretta.
Una ricetta tanto semplice quanto gustosa un dolce invitante dal profumo autunnale...



Ingredienti:

250 gr di farina 00
1 uovo intero + 1 tuorlo
150 gr di zucchero
100 gr di burro
scorza di un limone grattugiata
1 bustina di vanillina
1 cucchiaino di lievito vanigliato



Procedimento:

Come prima cosa preriscaldate il forno a 190 gradi in modalità statica. 

In una terrina lavorate velocemente lo zucchero con il burro freddo e la vanillina.
Unite a seguire l'uovo, la farina, il lievito e la buccia grattugiata del limone.
Impastate velocemente, formate un panetto, avvolgetelo in una pellicola e fatelo riposare in frigorifero per 30 minuti.



per la farcia:

 Tagliate a pezzi le mele (circa 400 gr.).
Sciogliete in una una padella 20 gr di burro, aggiungete le mele, 50 gr di zucchero di canna, 1 cucchiaio di succo di limone e lasciate cuocere  circa 15 minuti. Unite 25 gr di mandorle tagliate a listarelle e un cucchiaio di farina stemperato in 3 cucchiai di latte. Cuocete ancora per alcuni minuti quindi togliete dal fuoco. 
Togliete la frolla dal frigorifero e dividetela in due parti, stendete una parte di frolla sulla carta forno e sistematela in una tortiera da 24 cm, farcitela  con il ripieno e copritela con l’altra frolla. 
Praticate dei fori con i rebbi di una forchetta e infornate per 40 minuti a 190 gradi a forno già caldo.
Lasciate raffreddare e poi cospargetela di zucchero velo.



sabato 7 luglio 2018

Torta morbida con le pesche



Una torta con le pesche fresca e sfiziosa, un dolce genuino che profuma di estate e di merende all'aperto "tempo permettendo"...
Un classico della cucina estiva che non ti delude mai,  semplice e profumato,  dal cuore  cremoso con una crosticina croccante una vera delizia!!!


Ingredienti:
250 gr di farina 00
4 pesche gialle
150 gr zucchero 
2 uova intere
100 gr di burro
1 bustina di vanillina
una busta di lievito per dolci
30 gr di scaglie di mandorle
fiocchi di burro q.b.
4 cucchiai di zucchero di canna
zucchero a velo


Procedimento:
Sciogliete il burro a bagnomaria e lasciatelo raffreddare.
In una ciotola montate a lungo con le fruste elettriche le uova con lo zucchero e la vanillina, fino a quando non saranno diventate spumose e soffici.
Unite, continuando a montare con le fruste, la farina 00, aggiungete il burro fuso e freddo e il lievito sciolto in mezzo bicchiere di latte.
Sbucciate una pesca e tagliatela a dadini piccoli e aggiungetela al composto. 
Versate il composto in una tortiera diam. 24 foderata con carta forno e con i bordi infarinati.
Livellate il composto; pelate le pesche rimaste e dopo averle tagliate a fette spesse infilatele nel composto.
Cospargete la superficie con lo zucchero di canna e alcuni fiocchi di burro.
Preriscaldate il forno a 180 gradi e infornate il dolce per circa 40 minuti.
Servite la torta dopo averla spolverizzata di zucchero velo e accompagnatela con gelato alla crema.



sabato 30 giugno 2018

Crostata di marmellata di amarene



Cominciare la giornata con una fetta di torta per me è il massimo specie se il dolce viene dal mio forno, oggi nonostante il caldo ho acceso il forno per preparare la crostata che mangeremo domani a colazione. 
Una crostata classica friabile e irresistibile, con all'interno una marmellata di amarene, amarene che avevo raccolto in campagna.
Non amo le marmellate troppo dolci, mi piace sentire tutto il gusto della frutta e questa è proprio così brusca, brusca come piace a me...





Ingredienti per la marmellata:


800 gr di amarene

200 gr di zucchero



Lavare le amarene e successivamente denocciolarle.

Mettere le amarene in una capiente casseruola e lasciarle sobbollire a fuoco basso per circa un'ora, mescolando spesso per evitare che si attacchino sul fondo.
Aggiungere a questo punto lo zucchero, in questo modo non ci sarà bisogno di schiumare la marmellata, lasciare cuocere a fuoco basso per circa tre ore, fino a che tutto il sugo delle amarene non si sia assorbito.




Ingredienti per la crostata:

250 gr. farina 00
50 gr di farina di fecola
150 gr. burro morbido
100 gr. zucchero
1 uovo + 1 tuorlo
1 cucchiaino di lievito per dolci
1/2 cucchiaino di vaniglia in polvere
1 pizzico di sale
300 gr. marmellata di amarene

zucchero a velo



Procedimento:


Preparare la frolla lavorando dapprima il burro con lo zucchero aggiungere le uova, la vaniglia e poi pian piano incorporare le farine setacciate con il lievito e il sale. Lavorare poco l'impasto, quindi avvolgere nella pellicola trasparente il panetto di pasta e conservare in frigorifero per circa 30 minuti.
Togliere dal frigo la frolla, stendere 3/4 di frolla nella teglia imburrata e infarinata, cospargere di marmellata e ricoprire  con la frolla rimasta dopo averla stesa, sigillare bene e bucherellare con una forchetta tutta la superficie,
Infornare a forno statico preriscaldato a  170° per circa 30 minuti, fino a completa doratura della crostata. Lasciare raffreddare e dopo aver posizionato il dolce sul piatto cospargere di zucchero a velo.

mercoledì 27 giugno 2018

Spaghetti integrali con fiori di zucca e acciughe




Un primo piatto molto semplice da realizzare e con un prodotto del mio orto: gli zucchini e i loro fiori.
E' bastato aggiungere acciughe e mozzarella per rendere questo piatto saporito e appetitoso.
Volutamente ho abbondato con le acciughe, proprio per presentarlo molto stuzzicante, ma sta a vostra discrezione diminuire il numero delle acciughe.
Inoltre l'aggiunta della mozzarella rende gli spaghetti ancora più invitanti, una ricetta che mi sembra perfetta per il periodo estivo.



Ingredienti per 4 persone:
280 gr di spaghetti integrali
1 mozzarella
15 fiori di zucca
1 zucchina piccola
40 gr di pane grattugiato
10 filetti di acciuga sott'olio arrotolati con il cappero
olio E.V.O.
1 peperoncino
sale e pepe bianco
1 spicchio di aglio
brodo vegetale q.b.



Procedimento:
Eliminate dai fiori di zucca la base e il pistillo centrale, quindi sciacquateli delicatamente sotto acqua corrente fresca e sempre delicatamente asciugateli con carta assorbente da cucina, dopodichè lasciateli asciugare. 
Tagliate la zucchina a rondelle dopo averla ben lavata.
Pelate lo spicchio di aglio e schiacciatelo con il palmo della mano.
Tagliate a filetti i fiori di zucca.
In una piccola padellina fate tostare il pane grattugiato senza aggiungere grassi.
In una padella grande soffriggete l'aglio e il peperoncino in un filo di olio e unite 6 filetti di acciuga scolati dal loro olio e i capperi e fateli sciogliere, unite anche le zucchine tagliate a rondelle e lasciate insaporire per alcuni minuti.
Aggiungete alcuni cucchiai di brodo vegetale e portate a cottura le zucchine che devono essere leggermente al dente, aggiungete i fiori di zucca in precedenza tagliati, mescolate, quindi spegnete il fuoco, per ultimo togliete lo spicchio d'aglio e il peperoncino.
Cuocete gli spaghetti in abbondante acqua leggermente salata e dopo averli scolati al dente saltateli in padella con il sugo preparato, fate mantecare,  aggiungete il pangrattato tostato mescolate e servite decorando il piatto con una base di mozzarella tagliata a dadini o a striscioline e con i filetti di acciuga rimasti.