lunedì 21 gennaio 2013

Punta di vitello ripiena "Picaja col pjén"






Punta di vitello ripiena
(picaja col pjén)

Piatto tipicamente parmigiano che veniva preparato nei mesi invernali, un secondo piatto speciale e di grande effetto, buonissimo, ideale per pranzi importanti, un secondo veramente ottimo. La Picàja col pjèn anche detta comunemente punta di vitello ripiena è una ricetta che esalta il sapore e la tenerezza della carne, da accompagnare in particolar modo con patate arrosto.
Da bambina adoravo questo piatto proprio per il suo ripieno morbido e quasi cremoso; la zia Nanda lo preparava nei giorni un po' speciali, di festa e sinceramente non so perché, ma non lo avevo mai cucinato prima. La ricetta che vi passo prevede una messa in forno finale che la preparazione originale non prevede, ma che forma una leggera crosticina croccante alla carne.
Ingredienti per 4 persone:
700 gr di punta di vitello
Olio
100 gr di Parmigiano Reggiano grattugiato
50 gr di pane grattugiato
2 uova
1 cipolla
1 spicchio di aglio
1 carota piccola
Un gambo di sedano
un pizzico di noce moscata
sale e pepe
½ bicchiere di vino bianco
1 cucchiaio di farina



Procedimento:

In una casseruola versare un po’ di olio e rosolarvi lo spicchio di aglio, fino a doratura, poi togliere, aggiungere il pane grattugiato e mescolarlo per alcuni minuti.
Togliere quindi dal fuoco e mettere in una terrina insieme al Parmigiano, aggiungere un pizzico di sale e di pepe, poca noce moscata e le uova intere.
Si otterrà un ripieno che andrà inserito nella tasca (meglio se fatta fare dal macellaio) che andrà cucita e sigillata molto bene con filo forte per alimenti.
Mettere a bollire abbondante acqua salata in una capace pentola, insieme a cipolla, carotina e il gambo di sedano.
Al momento dell’ebollizione immergere la punta ripiena, e lasciare sobbollire a fuoco moderato per circa un’ora.
Lasciare raffreddare e mettere in una teglia con un po’ d’olio, un mestolo di brodo (almeno due dita nella teglia) uno spicchio di aglio, la carota e la cipolla tolte dal brodo.
Mettere in forno a 170 gradi fino a doratura da entrambi i lati della tasca.
Togliere la punta dal tegame, aggiungere ½ bicchiere di vino bianco al liquido di cottura e un cucchiaio di farina, e fare addensare a fuoco basso, frullando con il mixer a fine cottura anche la carota e la cipolla.
Tagliare a fette la punta di vitello e servire con la sua salsa addensata.
Ho aggiunto anche un po' di ripieno sfuggito dalla tasca, durante la cottura nel brodo.


23 commenti:

  1. Ciao Flora :) Buonissima, da acquolina immediata! :D Complimenti, un bacione e buon lunedì! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie:) e buona settimana anche a te!

      Elimina
  2. Vista anche l ora cara Flora mi fai venire una fame!!! Sembra davvero squisito!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in effetti ammetto che è sparita piuttosto in fretta! Un bacione!

      Elimina
  3. Ciao Flora, io adoro le tasche ripiene.... Buonissima questa ricetta, complimenti! un bascio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! Ora che ho provato questa credo proprio che ne sperimenterò delle altre..:) in bacio anche a te!

      Elimina
  4. Ciao...complimenti per questa ottima ricetta!!!A presto

    RispondiElimina
  5. Ottimo piatto di carne, zia Nanda sapeva di fare bella figura nei giorni di festa!!! brava per la tua preparazione pefetta!
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei era molto brava riusciva con poco a fare piatti speciali, io non sono così brava!
      Buona settimana!

      Elimina
  6. Com'è bello leggerti, amica mia. Qui si respira sempre calore, senso di unione e famiglia; si percepisce pace, sicurezza famigliare, sensazione di amore. Una ricetta davvero notevole e fa molto 'atmosfera' sai? Ti abbraccio con tanto affetto! Tvb!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely hai sempre parole bellissime, ti ringrazio...
      Sai la tradizione, il passato, i miei r icordi sono molto importanti per me!
      Un abbraccio gigante
      Flora

      Elimina
  7. MAi provata! Ma voglio rimediare!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava! Poi raccontami com'è andata!

      Elimina
  8. Allora grazie mille per averci fatto conoscere questa bontà e devo dire che sembra molto invitante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh grazie! Provala anche tu è davvero peciale!
      Baci
      Flora

      Elimina
  9. Non sapevo che la punta di petto si potesse farcire!!
    Bravissima, deve essere squisitissima!!
    Un bacione e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo sono pezzi di carne tagliati apposta per queste preparazioni, ed è sempre meglio farle fare dal macellaio.a presto e buona serata!
      Flora

      Elimina
  10. un piatto sontuoso e buonissimo, che qua a casa mia sarebbe spazzolato in un battibaleno!
    Buonissima serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Simo, qua si è volatilizzato, ci sono certe bocche!
      Buona serata
      Flora

      Elimina
  11. un ottimo modo per portare in tavola la punta di vitello

    RispondiElimina